la storia del vibratore

La Storia del Vibratore: dalle Origini ad Oggi

Il vibratore è senza dubbio il sex toy più conosciuto al mondo, oggi lo si vede come vero e proprio oggetto erotico da utilizzare sia da soli che in coppia e ne esiste una varietà davvero notevole, ma ciò che non tutti sanno è come nasce questo strumento e che scopi aveva.

Le origini del vibratore non sono per nulla recenti ma hanno mantenuto per secoli la ragione per cui sono stati creati, ossia curare “malattie mentali” femminili, come l’isteria.

Le prime tracce di questo strumento, inizialmente, medico, le riscontriamo nei reperti dell’Antico Egitto, dove troviamo raffigurazioni che attestano l’utilizzo di questi oggetti.

Considerando l’epoca, non li possiamo propriamente definire vibranti, ma avevano il medesimo scopo, ossia regalare alla donna uno stato di rilassamento completo raggiunto attraverso l’orgasmo.

Fin da tempi antichi si considerava l’isteria una malattia femminile che si manifestava attraverso instabilità emotiva, insonnia, depressione o eccessiva eccitazione. I Greci credevano che fosse l’utero che vagava per il corpo creando caos; i vittoriani l’attribuivano a tensione muscolare.

Qualunque fosse la ragione, la soluzione consigliata era una maggiore e soddisfacente attività sessuale tra coniugi.

Ovviamente questo non era sempre possibile, si pensi a vedove, single o monache.

Cosi, in epoca vittoriana, nacque una pratica, quella del massaggio vaginale, che aveva lo scopo di far raggiungere alla donna il “parossismo isterico”, meglio conosciuto come orgasmo, attraverso una stimolazione continua.

A quei tempi non si aveva una concezione del rapporto sessuale come quella odierna; la stimolazione del clitoride non era considerata parte del rapporto quindi, in un certo senso, non ci vedeva nulla di strano nel massaggio pelvico praticato dai medici.

Questo portò alla creazione di un certo “business” intorno a questa pratica che fu introdotta nei centri benessere e fatta fulcro di veri e propri ritiri per curare l’isteria, vera o presunta che fosse.

L’epoca vide la nascita di numerosi e frequenti rapporti saffici non dichiarati; infatti le ricche donne dell’ottocento iniziarono a non ricorrere al medico ma alle loro dame di compagnia che avevano il compito di praticare il massaggio vaginale alle loro signore.

Il risvolto negativo di questa “cura” riguardava chi la praticava, dame di compagnia, medici, andavano incontro ad una vera e propria malattia professionale dovuta alla ripetizione continua dello stesso movimento che provocava delle lesione ai tendini.

La Nascita del Vibratore

Per ovviare al problema si iniziarono a ideare degli strumenti che sostituissero le mani; si passò dai vibratori ad acqua, strumenti che andavano a mulini ad acqua collegati al lavandino, a quelli a corrente che avevano l’inconvenienza di tutta una serie di ingarbugliati cavi, fino ad arrivare all’utilizzo delle pile.

La creazione dell’antenato del vibratore, così come lo conosciamo oggi, la dobbiamo al dottor Mortimer Granville, che nel 1883, creò il vibratore elettrico, conosciuto, all’epoca, come Granville’s Hammer ossia, Martello di Granville, andando così incontro a tutta una serie di incomprensioni ed equivoci.

Infatti Granville non usò mai questo strumento come oggetto sessuale ma solo come strumento medico atto a rilassare la tensione muscolare e dichiarò che non era utile ai fini della cura di forme isteriche femminili, in quanto troppo varie e soggettive, ma ormai la moda era troppo diffusa per porvi un limite.

La storia del vibratore porta dietro di sé una serie di contraddizioni.

Nell’ottocento si riconoscevano i benefici dell’orgasmo, ma i rapporti sessuali non prevedevano nessuna stimolazione per la donna, quindi spesso aleggiava insoddisfazione tra le lenzuola che si cercava di mascherare con la “malattia” e conseguente “cura medica” che non aveva niente di diverso da quello che noi oggi riconosciamo a tutti gli effetti come parte integrante di un rapporto sessuale.

Il vibratore nel tempo ha subito talmente tante modifiche da arrivare ad avere oggi un modello per ogni esigenza, lasciandolo al primo posto dei sex toys più utilizzati.

Info
Storia del Vibratore: dalle Origini ad Oggi
Titolo
Storia del Vibratore: dalle Origini ad Oggi
Descrizione
La storia del vibratore: come è nato, perchè veniva utilizzato e come è arrivato ad essere uno strumento del piacere nei tempi più recenti.

sconto iscrizione newsletter